SEPARAZIONE ELETTRICA E MECCANICA DI UNA CELLA ROBOTIZZATA

La cella robotizzata allo stato iniziale era formata da n°4 robot COMAU che attuavano dei processi di sbavatura e ripresa fori sul corpo.

L’architettura hardware era configurata in modo che un robot-controller fungesse da master per la gestione di tutto l’impianto.

Per dividere la cella in due sottocelle separate abbiamo svolto le seguenti attività:

  • Slacciamento e riposizionamento a nuovo layout su due file ortogonali alla parete dei quadri elettrici Robot e quadri elettrici trasportatori con relativi servomezzi, aria compressa ed alimentazioni;
  • Installazione di una parete divisoria con pannelli in Sandwich da 30mm, lexan centrale con struttura in profilo tubolare per serramenti completo di montanti di sostegno, tra le due coppie di robot per assicurare la segregazione fisica delle due isole;
  • Spostamento componenti interni per la posa della parete centrale;
  • Spostamento della porta attualmente esistente sul lato opposto ai nastri in modo da permettere l’accesso alla sola isola di robot 1 e 2;
  • Creazione di una porta a scomparsa sullo stesso lato della porta di cui al punto precedente;
  • Spostamento dei quadri elettrici di controllo dei robot e loro posizionamento su due file ortogonali alla parete;
  • Creazione di una porta a battente di accesso tra le due file di quadri elettrici lunga 1600 mm;
  • Spostamento della rulliera di controllo qualità robot 1 e 2 in caso di eventuale collisione robot con parete divisoria;
  • Installazione di una copertura in pannelli di policarbonato sul nastro di asservimento isola di robot 3 e 4;
  • Separazione elettrica dei circuiti di emergenza e dei segnali di controllo delle due isole robotizzate;
  • Fornitura di nuovi moduli di sicurezza e controllo da installare in armadio generale;
  • Fornitura e installazione di finecorsa di sicurezza interbloccati e pulsantiere di comando sulle nuove porte;
  • Fornitura e installazione di due gruppi FRL per assicurare la separazione tra i circuiti pneumatici;
  • Modifiche software dei quattro robot per la nuova gestione delle due isole garantendo le stesse manovre della vecchia configurazione ma considerando i nuovi ingombri e le modifiche degli spazi.
  • SISTEMA DI MISURA ALTEZZA PARAOLIO STAZIONE 20 L4 ZP
  • TUNNEL DI SOFFIAGGIO
  • LINEA DI GESTIONE AUTOMATICA CAMBIO TIPO SU PALLET
  • INTEGRAZIONE DI N°2 ROBOT PER CARICO SCARICO COMPONENTE
  • STAZIONE DI VISIONE E CONTROLLO PRESENZA DATAMATRIX
  • STAZIONE INSERIMENTO SFERA ED AVVITATURA GRANO
  • SISTEMA DI VISIONE PER CONTROLLO CORRETTA SBAVATURA ELETTROLITICA SU TESTA MORBIDA